You are visiting a website that is not intended for your region

The page or information you have requested is intended for an audience outside the United States. By continuing to browse you confirm that you are a non-US resident requesting access to this page or information.

Switch to the US site

Select Your Country or Region
Invia
Getinge Flow-i

Anestesia a bassi flussi

Argomenti

Perché l'anestesia a bassi flussi?

Già nel 1924, RM Waters pubblicò un articolo su Anesthesia and Analgesia nel quale presentava un miglioramento dell'economia, della praticità e del benessere dei pazienti grazie all'uso di un sistema di ri-respirazione durante l'anestesia [1]. Oggi è ancora così, ma un altro grande vantaggio è che possiamo anche incrementare il benessere del pianeta.

L'anestesia a bassi flussi offre benefici polmonari, economici e ambientali

Nell'anestesia a bassi flussi il sistema a ri-respirazione impiega un flusso di gas fresco (FGF) di volume inferiore rispetto alla ventilazione alveolare del paziente. Questa tecnica consente di utilizzare meno agenti anestetici rispetto ai sistemi convenzionali, di emettere meno gas nell'atmosfera e di migliorare la dinamica del flusso dell'aria inalata. L'anestesia a bassi flussi è generalmente caratterizzata da un flusso di gas fresco inferiore a 1,0 l/min. Con l'anestesia a flussi minimi l'FGF viene abbassato fino a 0,5 l/min.

Dovremmo passare all'anestesia a bassi o minimi flussi?

Con la riduzione del flusso di gas fresco si riscontrano molti benefici:

web-anesthesia-low-flow-icon-economy

Aspetti economici

La spesa per l'agente incide in larga misura sul costo di gestione complessivo delle macchine per anestesia. Ridurre il consumo dell'agente anestetico nelle sale operatorie inciderà positivamente sulle spese generali della struttura ospedaliera.

web-anesthesia-low-flow-environmental

Impatto ambientale

Grazie all'anestesia a bassi flussi viene rilasciato nell'ambiente un minor quantitativo di agente anestetico, riducendo così l'impatto di fluorocarburi e protossido di azoto sull'ozonosfera, riducendo in tal modo le emissioni totali di gas serra.

web-anesthesia-low-flow-patient-safety

Comfort e sicurezza del paziente

Un basso FGF migliora la dinamica del flusso dei gas inalati, aumenta il sistema mucociliare, mantiene la temperatura corporea e riduce la perdita di liquidi. 

web-anesthesia-low-flow-staff-safety

Sicurezza dell'équipe chirurgica

Con meno gas inutilizzato rilasciato nell'atmosfera, la concentrazione di gas anestetici in sala operatoria risulta notevolmente ridotta. Questo riduce al minimo i rischi professionali dell'équipe chirurgica.

Teoria e pratica dell'anestesia con flusso minimo di gas freschi

La rassegna di Brattwall et alii pubblicata nel Canadian Journal of Anesthesia delinea i benefici dell'anestesia a flusso minimo di gas fresco.  Il documento fornisce una guida pratica per una implementazione sicura dell'anestesia a flussi bassi e minimi nella routine clinica.

 

Quali sono i rischi potenziali legati all'anestesia a bassi flussi?

Miscele ipossiche

La formazione di miscele ipossiche rappresenta uno dei maggiori rischi legati all'uso dell'anestesia a bassi flussi. La riduzione del flusso di gas fresco nel sistema di circolazione a ri-respirazione genera una differenza tra la concentrazione di O2 erogato (FD) dall'uscita di gas generica e l'O2 (FIO2) inspirato. Di conseguenza, FIO2 diventa più basso rispetto alla frazione di ossigeno erogato (FDO2). Tale fenomeno non sempre è opportunamente riconosciuto e, se non vengono regolate le impostazioni, possono svilupparsi miscele ipossiche. È stato dimostrato che una protezione miscela ipossica a inspirazione attiva previene la formazione di miscele ipossiche. 

 
 
Inadeguata profondità dell'anestesia

Durante l'anestesia a bassi flussi c'è il potenziale rischio di un'incongrua concentrazione di gas anestetico. Un sistema di controllo automatico del gas (Automatic Gas Control, AGC) elimina la necessità di regolazioni manuali continue di FGF, FIO2 e ETAA. Impostare la FIO2 target in modo diretto contribuirà a prevenire l'ipossia. Impostare l'EtAA target alla velocità desiderata ridurrà il rischio di sotto- o sovradosaggio.

Per saperne di più su Automatic Gas Control (AGC) 

Articoli correlati

  • Sala operatoria

LMD - Il futuro delle lampade scialitiche

Sposta la vostra attenzione dalla luce alla procedura chirurgica. Mantiene un'acutezza visiva ottimale ed elimina la difficoltà di doversi adattare a eccessive variazioni di luminosità.

Più informazioni

  • Sala operatoria

Interazione cuore-polmone

Il collasso polmonare indotto dall'anestesia è un problema noto che può essere evitato con una buona strategia di ventilazione.

Più informazioni

  • Sala operatoria

Pianificazione di una sala ibrida

Pianificazione ottimizzata della progettazione e messa in servizio di una sala operatoria ibrida monodisciplinare, multidisciplinare e multimodale.

Più informazioni

  • Sala operatoria

Prestazioni ventilatorie

Se si raggruppassero tutti i danni agli organi di natura perioperatoria, questi rappresenterebbero la terza principale causa di morte negli Stati Uniti. Prevenire le lesioni agli organi, ad esempio i danni polmonari, può ridurre l'intensificarsi della necessità di assistenza postoperatoria. Scoprite di più su come ridurre costi e complicanze correlati all'assistenza grazie alla ventilazione protettiva polmonare.

Più informazioni

  • Sala operatoria

Riduzione dell'affaticamento visivo in sala operatoria

Inoltre, la riduzione del contrasto tra il sito chirurgico e le zone circostanti migliora il comfort e le prestazioni visive. L'illuminazione chirurgica più efficace fornirà una transizione graduale tra l'area illuminata e l'illuminazione della sala operatoria per ridurre lo sforzo visivo.

Più informazioni

  • Sala operatoria

L'illuminazione più intensa non è necessariamente migliore

La maggior parte delle persone ha sperimentato i sintomi dell'affaticamento visivo: occhi dolenti, prurito o secchezza. A volte il nostro corpo compensa producendo lacrimazione in eccesso, causando disturbi visivi.

Più informazioni

Riferimenti

  1. Waters R.M 1924 Clinical scope and utility of carbon dioxid filtration in inhalation anesthesia. Anesthesia and Analgesia Feb p 20-22, 26