You are visiting a website that is not intended for your region

The page or information you have requested is intended for an audience outside the United States. By continuing to browse you confirm that you are a non-US resident requesting access to this page or information.

Switch to the US site

Select Your Country or Region
Invia
Dr Torben Andersen, Vejle Hospital, wide angle

Come mantenere i pazienti meno sedati durante la ventilazione meccanica.

Argomenti

Pazienti in terapia intensiva sottoposti a bassa sedazione durante la ventilazione meccanica.

Il dott. Torben Steensgard Anderssen, Senior consultant ICU presso il Vejle Hospital, illustra in questi due video i vantaggi della strategia di ventilazione a bassa sedazione. 

Spiega che la chiave per far sì che i pazienti siano meno sedati e partecipino attivamente è essere in grado di soddisfare le loro esigenze respiratorie. Cercare di sostenere il più possibile il loro sforzo respiratorio naturale.

L'esperienza clinica di pazienti più svegli e meno sedati

Il dott. Andersen è in grado di comunicare con i suoi pazienti quasi in qualunque momento. Guarda il video e scopri di più sul suo lavoro e su quali sfide ha dovuto affrontare quando ha ridotto la sedazione. Dalla scienza alla base della decisione fino alla loro esperienza clinica oggi.

"Siamo in grado di comunicare con i nostri pazienti quasi in qualsiasi momento", afferma il Dott. Andersen.

La chiave per far sì che i pazienti siano meno sedati e partecipino attivamente è riuscire a soddisfare le loro esigenze di respirazione. Cercare di sostenere il più possibile il loro sforzo respiratorio naturale.

Ecco perché il monitoraggio dell'attività elettrica del diaframma (Edi) è diventato particolarmente utile per il Dr. Andersen. Lo ha aiutato a identificare l'asincronia paziente-ventilatore e a ridurre la sedazione e la sovra-assistenza.

Personalizzare la ventilazione in terapia intensiva

Può essere difficile identificare il grado di supporto ventilatorio di cui il paziente ha realmente bisogno. Con l'Edi, l'attività elettrica del diaframma, è possibile identificare e ridurre la sedazione e la sovra-assistenza, nonché l'asincronia. Ciò può aiutare ad anticipare il processo di svezzamento . [1] [2] [3]

Articoli correlati

  • Terapia intensiva

L'esperienza italiana: un consiglio pratico

Il Professor Salvatore Grasso, capo del Dipartimento di Anestesia e Rianimazione della Facoltà di Medicina e Chirurgia del Policlinico Aldo Moro dell'Università di Bari, racconta la sua storia sulla peggiore situazione sanitaria in Italia. Guarda il video e scopri cosa ha vissuto in prima persona durante il trattamento dei pazienti gravemente malati perché affetti da un virus sconosciuto.

Più informazioni

  • Terapia intensiva

Hemodynamic Management in Sepsis Patients

Everyone is at risk of developing sepsis. Globally, up to 50 million people are affected by sepsis, every year. Every 2.8 seconds, one patient dies from sepsis and associated complications. Often, it can be prevented by vaccination, clean water and hygiene, safe childbirth, and preventing hospital-acquired infections (HAIs). However, sepsis is often underdiagnosed, especially at an early stage where treatments are more successful.

Più informazioni

  • Terapia intensiva

Paziente che riceve una ventilazione meccanica: perché il diaframma è importante?

La debolezza del diaframma aumenta significativamente il rischio di difficoltà nello svezzamento, svezzamento prolungato e mortalità ospedaliera, afferma il dr. Ewan Goligher, facendo riferimento a un recente studio condotto sull'argomento.

Più informazioni

  • Terapia intensiva

Monitorare il diaframma e migliorare la ventilazione meccanica

Il supporto respiratorio è un intervento salvavita nell'unità di terapia intensiva, ma senza il giusto equilibrio aumenta anche il rischio di esiti dannosi.1,2 E' qui che il monitoraggio del diaframma arriva in aiuto, perché funge da indicatore di esiti come la mortalità ospedaliera e lo svezzamento prolungato. Inoltre, può aiutare a prendere decisioni terapeutiche più consapevoli durante il trattamento respiratorio.

Più informazioni

  • Terapia intensiva

Mechanical ventilation

Sharing our insights on how you can provide easier, better and safer mechanical ventilation – for you and your patients.

Più informazioni

  • Terapia intensiva

ARDS

La sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS) è una grave condizione polmonare che causa un basso livello di ossigeno nel sangue. L'incidenza dell'ARDS varia notevolmente.

Più informazioni

Riferimenti

  1. Kallio M, et al. Neurally adjusted ventilatory assist (NAVA) in pediatric intensive care – a randomized controlled trial. Pediatr Pulmonol. 2015 Jan;50(1):55-62.

  2. Bellani G, Pesenti A. Assessing effort and work of breathing. Curr Opin Crit Care. 2014 Jun;20(3):352-8.

  3. Ducharme-Crevier L, et al. Interest of Monitoring Diaphragmatic Electrical Activity in the Pediatric Intensive Care Unit. Crit Care Res Pract. 2013;2013:384210